Trauma e Psicopatologia. Prospettive teoriche e cliniche a confronto. ROMA – ERICKSON SEDE ROMA | 28 NOVEMBRE 2020 E ONLINE

Al Convegno si potrà partecipare in presenza o in modalità interamente online.

Il Convegno è un’occasione di confronto, aperto e costruttivo, tra i sostenitori dei modelli cognitivo-comportamentali e chi predilige approcci teorico/clinici basati sull’elaborazione dei traumi in psicoterapia.

Massimi esperti si confronteranno con l’obiettivo comune di promuovere l’utilizzo di strategie e strumenti clinici integrati che massimizzino l’efficacia nella cura dei pazienti.

Il trauma, infatti, fin dalle origini della psicoanalisi è stato considerato un elemento centrale nell’eziopatogenesi dei disturbi psicologici. Gradualmente, però, le teorie a sostegno di tale visione sono state abbandonate a favore di teorie pulsionali, mettendo il concetto di trauma in secondo piano. L’avvento delle terapie cognitivo-comportamentali ha ancor più spostato l’attenzione su modelli che considerano molteplici fattori eziologici come responsabili della formazione di schemi e credenze disfunzionali, diversi per ogni disturbo clinico.

Nel tempo, quindi, il ruolo del trauma è stato sempre più relegato e circoscritto a condizioni specifiche quali i Disturbi da Stress Post-Traumatico, i Disturbi Dissociativi e alcuni Disturbi di Personalità. L’avvento di potenti tecniche cliniche, prima fra tutte l’EMDR, di evidente efficacia nel facilitare l’elaborazione dei ricordi traumatici, ha riportato l’attenzione sul trauma, mettendone di nuovo in primo piano l’influenza nella genesi della psicopatologia.

Negli ultimi anni anche il mondo delle terapie cognitivo-comportamentali è stato fortemente influenzato da questa lettura traumatologica dei vari disturbi clinici e dal largo impiego di strumenti volti all’elaborazione del trauma nel loro trattamento, a complemento o in sostituzione delle strategie proprie della CBT.

Info su www.erickson.it

Ti potrebbe interessare